Costruire in montagna

Progettare e ristrutturare case di montagna

grigioargento

La montagna è una realtà ambientale particolare che richiede una sensibilità costruttiva del tutto diversa da quella richiesta in pianura.
La casa di montagna così come si è tramandata da generazioni, è espressione delle necessità funzionali di chi l' abitava e delle attività che vi si svolgevano (agricoltura, allevamento, piccolo artigianato).

grigioargento

L'esposizione, era in funzione del percorso del sole durante tutto l'anno (cosi da assicurare l'essicazione dei foraggi e delle derrate alimentari) e della direzione del vento, che determinava anche la maggiore o minore distanza tra una casa e l'altra.

Il materiale da costruzione era quello disponibile sul posto (legno per le vallate ricche di boschi, pietra per le zone più spoglie ma ricche di depositi morenici), e veniva assemblato con tecniche semplicissime ma ingegnose.

Nonostante tutti questi vincoli imposti dalla natura, ogni casa di montagna è un piccolo capolavoro di architettura, con infinite varianti nel giro di pochi chilometri.

Nel nostro caso, possiamo dividere in maniera empirica, l'architettura delle nostre vallate in due tipologie costuttive: quella delle case di pietra (tipiche della parte inferiore dell'Alta Valle di Susa, ovvero nei comuni di Chiomonte, Exilles, Salbertrand, Oulx) e quella delle case di legno (concentrate nella parte alta della Valle, ossia nei territori dei comuni di Cesana e Sauze di Cesana, nonchè di Bardonecchia e frazioni).

grigioargentoGli ultimi 50 anni hanno sconvolto il modo d'interpretare lo spazio montano, imponendo un "modello" di architettura montana che non gli appartiene, perchè chi lo usa è un residente occasionale e non un abitante.

Per costruire in montagna a nostro modo di vedere, bisogna capire la sua poesia fatta di forza e delicatezza; costruire o recuperare edifici montani, deve tornare prerogativa di chi sa reinventare il piacere di vivere la casa di montagna e non quella di possederla.

L'abilità e la bravura di un progettista, oltre che nella creazione del nuovo, si manifesta anche nella capacità di salvaguardare l'antico, analizzando le vecchie costruzioni, comprendendo il perchè di determinate scelte e fare tesoro di tutto quello che si può apprendere per poi riconiugarlo con le tecnologie odierne, in modo attuale.

Lo studio grigioargento, si propone di operare in questo modo, ovvero consigliare e seguire i propri clienti nella progettazione o ristrutturazione di edifici montani, valorizzandone le caratteristiche, a seconda del suo contesto ambientale; affidandosi ad artigiani locali e a tecnologie moderne non invasive in maniera da garantire il piacere di vivere la montagna.